UBIQUITY Support

 

In questa sezione sono raccolte le risorse di Supporto alla piattaforma Ubiquity che possono essere utili ad utilizzatori nuovi od esperti alla ricerca di risposte per le domande più comuni o documentazione specifica disponibile nell'area Download in fondo alla pagina.


FAQ - Download

Ricerca rapida FAQ

Mostra tutte le risposte
Nascondi tutte le risposte
  • Esiste una guida rapida per iniziare ad usare Ubiquity?

    Si, certamente!

    E' possibile scaricare il documento con tutti i dettagli da questo link.

     

  • Quali sono i requisiti minimi per la connettività di Ubiquity Control Center e Ubiquity Runtime?

    Sia Control Center che Runtime utilizzano connessioni uscenti, mai entranti.

    E' necessario che almeno una delle porte TCP 80, 443 oppure 5935 sia aperta. Ad esempio, se l'amministratore di rete intende bloccare la navigazione http (80) e https (443), è comunque possibile permettere la connettività Ubiquity lasciando aperta la sola porta TCP 5935 uscente.

    Nel caso in cui le porte UDP 80, 443 oppure 5935 siano a loro volta lasciate aperte, Control Center e Runtime le utilizzeranno automaticamente con un beneficio in termini di prestazioni. 

    Control Center indica l'eventuale l'assenza di connettività UDP mostrando un simbolo (triangolo con punto esclamativo) dal lato della comunicazione (Control Center o Runtime) che presenta la limitazione.

    Si noti comuque che l'assenza di connettività UDP NON comporta alcune limitazione funzionale.

  • La creazione del bridge non è completata con successo. Come posso risolvere il problema?

    Occasionalmente si possono verificare problemi legati alla creazione del  bridge tra gli adattatori di rete del dispositivo su cui è installato Ubiquity Runtime. L'errore tipico è mostrato dalla figura seguente.

    Questo può essere causato da diversi fattori: 

    Verificare che gli adattatori di rete tra i quali si stabilisce il bridge non siano condivisi. 

    Verificare di avere il file "netbrdgm.inf" correttamente copiato nella cartella C:\windows\INF.

    Se non è presente, esso può essere scaricato dal seguente link

    Il componente WMI (Windows Management Instrumentation) potrebbe essere corrotto or mancante. In questo caso il pannello delle impostazioni avanzate si mostrerà come nella figura seguente.

    Verificare quindi che il servizio WMI (Windows Management Instrumentation) sia in esecuzione.

    Per fare questo seguire la procedura indicata di seguito.

    Lanciare l'applicativo di diagnostica scaricabile dal seguente link: www.microsoft.com/download/en/details.aspx. 

    Nel caso in cui il tool rilevi qualche problema è possibile tentare una riparazione del componente seguendo le istruzioni di seguito riportare: 

    Aprire una finestra di promt comandi (start > cmd.exe) 

    Digitare "net stop winmgmt" 

    Digitare "cd %windir%\system32\wbem" 

    Digitare "ren repository repository.old" (or alternatively delete it) 

    Digitare "net start winmgmt"

    Per alcuni sistemi Win32 con immagini del sistema operativo di tipo “embedded” si sono rilevate delle problematiche legate all’incompleta disponibilità del supporto per la creazioni di “bridge” tra due interfacce di rete.

    Le casistiche analizzate sono state risolte utilizzando altri componenti.

    Scaricare i due archivi, estrarre il contenuto e copiarlo rispettivamente nelle cartelle indicate di seguito:

    inf.zip => c:\windows\inf

    sys.zip => c:\windows\system32\drivers

    Riavviare il sistema e provare quindi nuovamente a creare il bridge.

    Nota: l’utilizzo dei file indicati è sotto diretta responsabilità dell’utente. ASEM non si assume nessuna responsabilità sull’utilizzo dei componenti, forniti al puro scopo di condividere con l’utenza soluzioni applicate dal supporto tecnico su casi concreti. La validità delle soluzioni qui indicate non può in nessun modo essere generalizzata.

  • Quale è il traffico dati generato da Ubiquity per mantenere la connessione con l'infrastruttura server?

    Ubiquity Runtime, Ubiquity Control Center e Ubiquity Router quando sono connessi all'infrastruttura server senza l'attivazione di una sessione di supporto utilizzano circa 60KB/ora (1,4MB/giorno) per il keep alive.

  • Ho un sistema con una sola interfaccia di rete ethernet. Come posso configurare Ubiquity Runtime per l'accesso ad Internet e per la VPN?

    Ubiquity Runtime supporta completamente anche il caso in cui il sistema su cui è installato abbia  una sola interfaccia di rete.

    In questa condizione l’accesso ad Internet e l’accesso alla sottorete di automazione avverranno entrambi attraverso la medesima interfaccia fisica.

    Le due sottoreti, Internet e LAN di automazione, potranno essere logicamente distinte, ma non necessariamente.

    Tutte le informazioni su come configurare la VPN sono riportate nel manuale on-line di Ubiquity Control Center nel capitoli:

    Runtime\Configurazione della VPN\ Connessione VPN estesa all’intera sottorete con una interfaccia di rete

    Nota: Ubiquity Control Center può essere scaricato dalla seguente pagine del sito asem.it:

  • Come faccio ad associare un dispositivo con Ubiquity Runtime al mio Dominio?

    Alla prima volta che Ubiquity Runtime si connette all’infrastruttura Server viene mostrato sulla schermata dell’interfaccia di Ubiquity un identificativo di dispositivo ed una password.

    Il codice mostrato è univoco per il dispositivo (legato all’hardware).

    L’associazione del dispositivo in questione con il Dominio avviene attraverso l’utilizzo di Ubiquity Control Center.

    Su Control Center, dalla schermata “Devices” si clicca sull’icona in basso “Add new device”.

    I codici forniti dal dispositivo devono essere inseriti quindi nei campi indicati.

    Ad associazione avvenuta i codici scompaiono dalla schermata Ubiquity sul Runtime a non verranno più visualizzati.

    Il dispositivo viene inserito nel Dominio con il nome “<No name>” e potrà in ogni momento essere rinominato da un utente con diritti di Amministratore.

    Si veda la FAQ "Come posso cambiare il Dominio di appartenenza di un dispositivo?" per informazioni su come cambiare l'associazione tra un dispositivo ed un Dominio.

  • Come posso cambiare il dominio di appartenenza di un dispositivo?

    Ogni dispostivi Ubiquity Runtime per essere raggiunto deve essere associato ad un Dominio Ubiquity.

    Per associare un dispositivo a un Dominio si veda la FAQ “Come faccio ad associare un dispositivo con Ubiquity Runtime al mio Dominio?”.

    L’associazione tra un dispositivo e un Dominio può essere liberamente cambiata dell’utente un numero qualsiasi di volte.

    Per rimuovere un dispositivo da un Dominio è sufficiente accedere al Dominio con un utente di tipo “Amministratore”, identificare il dispositivo da rimuovere e utilizzare quindi il comando “Remove from domain” accessibile dall’icona in alto sopra la vista ad albero, oppure il comando “Delete” accessibile dal menù contestuale cliccando con il tasto destro del mouse sull’icona del dispositivo da rimuovere, oppure usando il tasto “Canc” (“Del”) della tastiera dopo aver cliccato sul dispositivo da rimuovere.

    A rimozione avvenuta, Ubiquity Runtime mostrerà nuovamente sulla sua interfaccia ID e password richieste per una nuova associazione.

  • Quale è la differenza tra "associazione al Dominio" e "registrazione della licenza Runtime"?

    L'associazione tra Runtime e Dominio è un legame necessario affinché un determinato dispositivo con Ubiquity Runtime sia accessibile da un certo Dominio per fare assistenza.

    L'associazione tra Runtime e Dominio può essere modificata a piacimento un numero qualsiasi di volte. Si veda la FAQ "Come posso cambiare il dominio di appartenenza di un dispositivo?".

    La registrazione della licenza Ubiquity Runtime (codice 25 caratteri) corrisponde all'attivazione di un legame tra la licenza software ("gettone") ed un certo dispositivo fisico.

    Il legame tra la licenza ed il dispositivo può essere cambiato un numero limitato di volte (due) utilizzando l'apposita procedura da Control Center. Si veda la FAQ "E' possibile spostare la licenza Ubiquity Runtime da un dispositivo ad un altro?" per ulteriori informazioni.

  • E' possibile spostare la licenza Ubiquity Runtime da un dispositivo ad un altro?

    Ubiquity Runtime è il componente software della piattaforma Ubiquity che risiede sul dispositivo remoto al quale ci si collega per fare assistenza e per l'attivazione della VPN.

    Secondo il tipo di licenza acquistata si potranno svolgere attività a diversi livelli.

    Ubiquity Runtime è soggetto ad attivazione attraverso l’utilizzo di una licenza software distribuita sotto forma di un codice a 25 caratteri.

    L’attivazione di una certa licenza software avviene su uno specifico dispositivo e da esso può essere spostato solo un numero limitato di volte (due).

    Si può pensare alla licenza software di Ubiquity Runtime come ad un “gettone” che viene depositato su un dispositivo e da questo può essere spostato ad un altro, ma solo per due volte. L'infrastruttura server mantiene traccia degli spostamenti di licenza.

    La procedura di registrazione della licenza è descritta nell’help on-line di Control Center al seguente capitolo:

    Control Center\Gestione dei dispositivi remoti\Prima connessione e registrazione della licenza

    Nota: Ubiquity Control Center può essere scaricato dalla seguente pagine del sito asem.it:

    Nota: tutti i sistemi ASEM aventi a bordo Ubiquity (per ordinazione o per dotazione di serie) escono dalla fabbrica con la licenza Runtime già registrata al dispositivo.

    Per spostare la licenza è prima necessario eseguire l’operazione di “Unregister”.

    Il comando è disponibile nella schermata dei dettagli di dispositivo visibile sulla parte destra della vista “Devices” una volta che si è cliccato sul dispositivo interessato.

    Nota: prima dell’esecuzione dell’operazione di “Unregister” va preso nota del numero di licenza in modo da poterlo poi usare per la seconda registrazione. E’ possibile eseguire l’operazione di copia negli appunti direttamente dalla schermata dove il numero è visualizzato:

  • Come faccio a configurare le notifiche degli allarmi via SMS sui Router RM?

    I sistemi Ubiquity Router della famiglia RM includono il Runtime di Premium HMI e pertanto la configurazione delle funzionalità quali allarmi e relative notifiche va fatta utilizzando Premium HMI Studio, preparando un progetto con le funzionalità richieste.

    Le notifiche attraverso messaggi SMS possono essere inviate SOLO dai modelli RM11, ovvero quelli con modem integrato. I modelli RM10 supportano SOLO l'invio di notifiche attraverso email.

    I sistemi RM11 sono preconfigurati per l'utilizzo del modem integrato, pertanto NON è richiesto l'utilizzo di "Alarm Dispatcher" per la configurazione del plug-in denominato "Gsm modem SMS".

    Il progetto Premium deve semplicemente prevedere la configurazione di utenti nella cui anagrafica sia specificato il numero di telefono cellulare a cui dovrà essere inviata la notifica. 

    Per ciascuna soglia il cui intervento debba essere notificato, va specificato l'utente o gli utenti a cui il messaggio deve essere recapitato e la relativa transizione di stato da notificare.

     Per ulteriori informazioni si consiglia di consultare il manuale utente di Premium HMI al capitolo "Proprietà Notifica Eventi delle Soglie Allarmi".

  • Come posso configurare i router RM per ricevere degli SMS e gestire delle risposte al mittente?

    I router della famiglia RM sono in grado di gestire la ricezione e l'interpretazione del contenuto di messaggi SMS inviati alla SIM card utilizzata dal modem, quando questi messaggi non contengono le parole chiave utilizzate da Ubiquity per la gestione della connessione.

    Allo scopo di notificare l'applicazione PHMI dell'arrivo di un SMS e successivamente di permettere l'estrazione del suo contenuto, sono disponibili le seguenti variabili di sistema:

    SmsTimeStamp - SmsMsgText - SmsPhoneNumber

    La descrizione del significato delle variabili è disponibile nel capito "Variabili di sistema" del manuale di PHMI.

    Un esempio di utilizzo delle variabili è scaricabile da questo link.

    L'esempio utilizza un evento per segnalare all'applicazione PHMI che è arrivato un nuovo SMS ed uno script per l'estrazione del contenuto testuale del messaggio.

    Nota: La gestione degli SMS entranti è disponibile a partire da Ubiquity 6 e da Premium HMI v4.0.1152.16

     

     

     

     


Download - FAQ

Login utente

Inserire username e password per effettuare il login: